Le sigle di Ranma nel mondo

Un piccolo riassunto delle sigle di Ranma nel mondo a cura di Otaku – Pazzi per le sigle

Annunci

Rumiko Takahashi vince il Grand Prix del Festival del fumetto

Rumiko Takahashi ha vinto il Grand Prix del Festival del fumetto di Angoulême. A ritirare il premio un rappresentante della Glénat, la casa editrice che pubblica Ranma e Lamù in Francia.

È la seconda mangaka a ricevere tale onorificenza, dopo Katsuhiro Ōtomo, e la terza donna in assoluto a vincere il premio, dopo Florence Cestac (2000) e Claire Brétécher (1983).

Thanks to Kuno’s mansion per la news

“Tornerò presto”: il misterioso messaggio della Takahashi

Particolare del disegno di Rumiko Takahashi per la riunione del nuovo anno di Shonen Sunday. A colpire tutti è stata la particolare frase sopra la firma, accanto a Ranma.

Tornerò presto.

Cosa vorrà dirci? Un chiaro messaggio sul ritorno di Ranma o solo un “ehi, ciao, a primavera uscirà il mio nuovo manga“?
Non ci resta che attendere nuove news sul suo nuovo, imminente, lavoro.
Dita incrociate.

Rumiko Takahashi, novità sul lancio del suo nuovo manga

Nel nostro Paese le opere della Principessa dei Manga, da Lamù a Rinne passando per Ranma 1/2 e Maison Ikkoku, sono pubblicate da Edizioni Star Comics. Il primo numero dell’anno editoriale 2019 della rivista Weekly Shonen Sunday ha annunciato che la sensei Rumiko Takahashi lancerà la sua prossima serie manga all’inizio della Primavera del 2019 sulle pagine del settimanale per ragazzi edito da Shogakukan. La pagina pubblicitaria recita ‘Un nuovo Rumic World sarà finalmente aperto‘ e invita i lettori a restare in attesa di ulteriori informazioni, dal momento che l’autrice sta lavorando duro alla sua nuova opera.

Sorgente: Rumiko Takahashi, novità sul lancio del suo nuovo manga

Ranma 1/2 Ovvero Ritrovarsi Nei Panni Dell’Altro

I giochi tra bambine sono pieni di segreti super-teneri ma anche 1) molto imbarazzanti e 2) vagamente saffici. A me per esempio, quando da piccola giocavo con mia cugina, toccava sempre fare l’uomo.

Avete capito bene: giocavamo alle storie d’amore e a me spettava tutte le volte il ruolo di protagonista maschile della vicenda. Lei era l’eroina romantica e io il suo eroe corteggiatore – Filippo, Eric, John Smith, Aladino, la Bestia.Non mi piaceva fare il maschio, però lei era irremovibile: era la più grande e la più elegante delle due, il ruolo femminile le spettava e basta, e io alla fine cedevo sempre, perché stravedevo per lei. L’unico ruolo femminile che mi concedeva di interpretare era Bagheera, la pantera di Il libro della giungla – che poi ero abbastanza sicura fosse una pantera maschio, ma il nome finiva per ‘a’ e me lo facevo stare bene. E che ruolo faceva in quel caso mia cugina? Mowgli, ovviamente. Genio del male.
Poi per fortuna tutto cambiò, quando arrivò Ranma ½.

Sorgente: Ranma 1/2 Ovvero Ritrovarsi Nei Panni Dell’Altro